Consigli, Suggerimenti, Verità per Ricordare cio che siamo, ovvero operatori di Luce, Amore, Pace, Gioia
 
PortalePortale  ForumForum  GalleriaGalleria  OsservatorioOsservatorio  DownloadDownload  IndiceIndice  FAQFAQ  CercaCerca  RegistratiRegistrati  AccediAccedi  

Condividere | 
 

 FILOSOFIA COSMICA DELLA NUOVA ERA

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
Amore
Admin
Admin
avatar

Numero di messaggi : 408
Data d'iscrizione : 26.03.09
Età : 44
Località : Paradiso Interiore

MessaggioTitolo: FILOSOFIA COSMICA DELLA NUOVA ERA   Ven Lug 22, 2011 2:07 pm

FILOSOFIA COSMICA DELLA NUOVA ERA
(La Nuova Teologia)





Già nel 1500 dell’era che ha seguito la venuta di Gesù Cristo sul pianeta Terra, molti grandi illuminati quali, Giordano Bruno, Galileo, indicarono all’Umanità, come già lo aveva fatto Gesù Cristo, la via per comprendere che non siamo soli nell’Universo, che l’Intelligenza Divina Onnicreante, Dio o Spirito Santo, ha creato la vita in tutto il Cosmo.

Oggi, questa traccia viene ripresa da coloro che sono definiti, il­luminati, veggenti, contattati del XX° secolo.

La nuova teologia, abbatterà per sempre i dogmi, i riti, i ragionamenti erronei e le leggi religiose e clericali basate su concet­ti molto limitati e razionali.

Della vecchia teologia si potrà, senz’altro, ritenere la fede nel­la venuta di Gesù Cristo e la manifestazione, nel Vecchio Testa­mento, dell’Intelligenza Divina che parla ai profeti ed agli uomini; della vecchia teologia si potranno anche ritenere le relazioni del­la storia, cioé, i contatti che gli Esseri Divini hanno avuto con i nostri antichi padri; si dovrà ritenere la cronaca della venuta sulla Terra del Messia, Gesù Cristo, ma sopratutto si approfondiranno e si amplificheranno come già si comincia a fare quei concetti che in questo momento non sono che i pionieri di una verità che sarà alla portata di tutti e che sarà alla base della religione, della politica e della scienza del terzo millennio, della nuova era.

La nuova teologia, insegnerà che non siamo soli nell’Universo, che Dio non è un essere astratto, che non è una persona, ma che è l’Intelligenza Onnicreante, l’energia che si diffonde continuamen­te nell’Universo e che lo fa espandere, la Luce che crea incessan­temente Galassie, Sistemi Solari e dunque, Soli e Pianeti, e questo per un fine ben preciso.

La nuova teologia spiega e dimostra all’intelligenza umana che l’Universo è vita e che l’uomo terrestre non è l’unico abitacolo dell’Intelligenza Spirito e che anche il regno minerale, il regno vegetale, il regno animale, la materia sparsa nell’Universo, dal più piccolo atomo alla più grande Galassia, sono esseri viventi che pulsano di vita.

La nuova teologia spiega che i Soli, le Galassie, i Pianeti, sono vivi, che possiedono un’Intelligenza, quella stessa intelligenza che si è, a volte, incarnata in uomini, per parlare agli uomini, per aiutare gli uomini nella loro evoluzione.

La nuova teologia sopprimerà, eliminerà i riti, il fanatismo, l’esaltazione dei concetti religiosi, degli insegnamenti spiritualidivini portati dai grandi Maestri.

La nuova teologia sostituirà ai riti inutili i concetti dell’insegnamento che dovrà essere messo in pratica direttamente, quotidianamente, in ogni manifestazione della vita.

La nuova teologia spiegherà il concetto di Dio, non più con immagini puerili ed astratte e neppure presenterà le immagini del Paradiso, del Pur­gatorio e dell’Inferno come luoghi misteriosi che si vedranno solo dall’aldilà. È vero che la vecchia teologia parla dell’aldilà, dicendo anche che il mondo spirituale esiste, ma è pur vero, certo e verissimo che la nuova teologia insegnerà che l’Universo è il paradiso del Creato; che l’inferno è tutto ciò che l’uomo sceglie di negativo, in forza del suo libero arbitrio e che il Purgatorio non è altro che la purificazione degli effetti scaturiti dalle cause generate dall’uomo.

La nuova teologia spiegherà che cos’è il mondo spirituale, cioé, spiegherà che l’uomo è intelligente; che il suo spirito è eterno; che esiste effettivamente il regno spirituale e che questo è eterno.

La nuova teologia spiegherà che la morte non esiste, che la Vita è eterna e che lo Spirito si evolve attraverso il processo delle reincarnazioni.

La nuova teologia spiegherà e proverà che le intelligenze che vivono e che si sviluppano nell’Universo, sono fratelli e sorelle di noi che viviamo su questo Pianeta, perché tutti, noi e loro, possediamo lo Spirito. Tutti siamo nati dalla stessa fonte divina; la differenza è che esistono civiltà più evolute e civiltà meno evolute della nostra, e che l’unico processo di evoluzione è l’integrazione fra le civiltà, è lo scambio della cultura spirituale e umana che, solo con la presa di coscienza, solo con l’amore e il rispetto verso tutti gli uomini di tutte le razze, potrà portare all’evoluzione.

La nuova teologia non sarà divisa fra religioni, dogmi e concetti, tutti diversi gli uni dagli altri, ma unirà tutte le razze di questo Pia­neta in un accordo di fratellanza con le razze e le civiltà di altri Pianeti che hanno già sperimentato e realizzato da millenni la nuova teologia.

La nuova teologia comincia a prender corpo tra i giovani e nella civiltà di questo Pianeta, già da ora, alla fine di questo secolo e millennio.

Noi contattati, veggenti, investigatori, ricercatori seri e testimoni della verità e tutti coloro che si riconoscono nell’ideale del Nuovo Testamento, siamo forse, anche senza forse, pionieri di questa nuova teologia o verità universale vecchia di millenni e millenni.

Per questo motivo è indispensabile che nella fase finale di questo se­colo si prenda coscienza della realtà fondamentale che ci mostra che non siamo soli nell’Universo; che l’Intelligenza Divina ha creato la Vita umana e la Vita spirituale in altre Galassie; che il contatto con altre civiltà capovolgerebbe la situazione di crisi di questo nostro Pianeta e proietterebbe l’Umanità verso l’instaurazione di una super­civiltà, senza travagli, senza catastrofi e senza crisi profonde poiché potrebbero essere attenuate grazie a questo grande contatto, se l’uomo ci si predispone. Il cambiamento dovrà avvenire indispensabil­mente per legge di evoluzione. La nuova era è alle porte.

La nuova teologia riconosce la venuta sulla Terra del figlio di Dio, Gesù Cristo, inteso come figlio dell’Intelligenza Divina, come incarnazione dell’Intelligenza Divina Solare.

La nuova teologia riconosce anche la venuta di altri Esseri, inviati da questa intelligenza cosmica per aiutare l’evoluzione umana e, la venuta di altri Esseri discesi dalle stelle o da Mondi evoluti e che hanno aiu­tato l’Umanità; Cristo è il vertice di questa piramide.

Abbiamo anche dei grandi Emissari dei quali si parla nel Vecchio Testa­mento, come Mosè, Abramo, Isaia, Ezechiele, ecc., nostri antichi padri.

Anche in altre culture, come in oriente, Krishna, Budda; nelle antiche Scritture “Veda” dove si parla dei contatti di Esseri Divini con i nostri antichi padri. Questi Messaggeri Divini che si sono incarnati sulla terra erano il tramite fra l’uomo di questo pianeta e gli Esse­ri Divini di Luce i quali erano inviati dall’Intelligenza Divina stes­sa, da Dio stesso dunque, per parlare agli uomini, per aiutarli nella loro evoluzione.

La nuova teologia riconosce dunque l’esperienza storica della venuta sulla terra di Esseri Divini provenienti dalle Stelle, ma anche l’in­carnazione stessa di molti di questi Esseri Divini che noi abbiamo riconosciuto, ripeto, nei nostri antichi padri, nella cultura orientale; negli antichi “Veda”; in Krishna, Budda, in Quetzalcoalt, il Dio degli Incas; in kukulkan il Dio dei Maya; in Manitu il Dio degli indiani d’America, ecc..

La nuova teologia riconosce tutto ciò, ma approfondisce, ridimensio­na, in questo secolo, il concetto di rito e di dogma.

La religione è una, il messaggio è uno e racchiude la verità asso­luta che è il contenuto originale di tutti i messaggi che sono stati dati all’uomo nel corso della storia di questa Umanità.

È per certo che nella nuova teologia saranno aboliti i dogmi e i riti, tranne la commemorazione della Santa Cena del Salvatore della Terra: Gesù Cristo, la preghiera e la meditazione, pratiche, queste due, antichissime, insegnate anche dal Maestro stesso.

Queste pratiche serviranno ad amplificare i valori dello spirito e a creare una sintonia diretta fra l’uomo e Dio, perché Dio vive all’interno dell’uomo; come vive in ogni particella dell’intero Universo.

La nuova teologia sposerà la scienza; la scienza non sarà più divi­sa dalla religione e tutte e due saranno unite in un’unica cosa.

Lo scienziato amplificherà e svilupperà i processi tecnologici a fa­vore di tutta la società, basandosi su una legge perfetta che è la “Legge dello spirito”.

Lo stesso sarà per il religioso: egli svilupperà la filosofia spiri­tuale, svilupperà concetti spirituali che si fonderanno con lo svilup­po della tecnologia. Non esisterà più la divisione fra i due rami: Federeligione/Scienza razionalismo, ma le due saranno una cosa sola.

La nuova teologia insegnerà che noi siamo una sola cosa con l’essere che ci contiene, che ci impregna della sua Luce creante e vivificante, Luce che è Dio, luce d’Amore, e, di Giustizia, Luce Onnisciente e Onnipotente dalla quale tutto scaturisce e alla quale tutto ritorna: Dio.

Si insegnerà che gli Universi sono gli organi vitali di questo Essere Cosmico; si insegnerà che gli Astri, o Soli, sono le Sue ghiandole en­docrine, ghiandole che secernono la vita; che le comete sono i Suoi spermatozoidi, portatori di nuove genetiche per Mondi, per Soli, per nuovi Sistemi Solari i quali sono le Sue macromolecole; che le super­novae sono i Suoi ovuli cosmici dai quali nascono Sistemi Solari; che l’etere è la Sua linfa, il Suo sangue, il Suo tessuto che separa gli uni dagli altri i Sistemi Solari e i Pianeti che, sono le cellule del Suo corpo, cellule delle quali le loro Umanità ne sono gli enzimi, en­zimi umani che devono elaborare, coordinare la vita sulla cellula, in simbiosi con la cellula stessa e in armonia con tutte le altre cellule cosmiche.

Nell’essere Cosmico, o Macrocosmo, ci sono, come nel nostro corpo che è un microcosmo, gli anticorpi che sono Esseri che vengono dal Cos­mo, Esseri altamente evoluti, i quali conoscono e obbediscono alla Legge Divina e per questo possono circolare liberamente in esso ed elaborare quanto gli è necessario ed eliminare quanto gli è nocivo. Per esempio gli enzimi degenerati che attentano all’ integrità e dunque all’evoluzione della Cellula Pianeta alla quale appartengono (per esem­pio la Terra, ndr). Ciò è messo in atto solo se il Sole Cosmico o cervello di questo Essere, dirama, attraverso i Soli interessati, l’ordine di agire.

Per questo, a nessun “enzima” estraneo alla cellula è permesso di pe­netrare in essa se rappresenta un pericolo per la cellula.

È una legge, questa, che protegge l’eternità dell’Essere Cosmico.

Anche le cellule dell’Essere Cosmico sono dotate, come le nostre, delle loro autodifese e queste sono i quattro elementi primordiali della Crea­zione, ma anche della distruzione, se è necessario, per ammonire l’uomo e questi elementi sono: il fuoco; l’aria; l’acqua; la terra.

È stato detto: “quello che sta in basso è simile a quello che sta in alto” e ancora: “conosci te stesso e conoscerai Dio”.

Questo è il concetto della nuova teologia.





Giorgio Bongiovanni
Stimmatizzato
Porto Sant’Elpidio, 2 marzo 1997

fonte: www.giorgiobongiovanni.org



Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente http://operatoridiluce.forumattivo.com
 
FILOSOFIA COSMICA DELLA NUOVA ERA
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» 11 marzo, Catania: seminario sul Sistri di Confindustria e FISE
» orari segreteria via landolina
» STORIA DELLA FILOSOFIA MEDIEVALE - prof. Porro
» esame storia della filosofia I con il prof esposito
» Durante la Magistrale posso fare esami della Triennale?

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
Operatori di Luce :: Noi TUTTI Operatori di Luce :: Nuove Rivelazioni-
Andare verso: